Benvenuti a bordo del Vascello, le notizie di Cremona e del mondo, quotidiano on line fondato nel 2001


Cremona,
PRIMA PAGINA
ARRETRATI
Direttore responsabile proprietario Antonio Leoni - Vice Direttore Cesare Castellani - Redazione: Via dei Classici 8 - 26100 Cremona - -tell+39-037230392 - e.mail vascello@fastpiu.it
Reg. Tribunale Cremona n.365 - 8 gennaio 2001 Provider Aemcom, via Persico- Cremona - Accesso gratuito - Controllo diffusione, statistiche dei contatti giornalieri ShinyStat™ - No pubblicità

Cerchiamo sempre argomenti piacevoli, ma se evitiamo le notizie spiacevoli non rendiamo un buon servizio alla verità
Il Vascello non riceve alcun finanziamento pubblico o privato. Esce esclusivamente per la prestazione gratuita di persone che amano Cremona

Torna la Lega Pro allo Zini con l'incognita della lunga sosta, quasi derby con il Pro Piacenza di Pea

La Cremonese manca il poker: 1-1, si avvantaggiano
Alessandria e Livorno

Lucchese in vantaggio, raggiunta al 61' e superata 2-1, doppietta di Gonzales, ad Alessandria (i risultati)

Pomì verso Haifa, la vetta di serie A confermata a Monza

23-25 - 0-1/22-25 - 0-2/16-25

Continua il fitto calendario della VBC Pomì Casalmaggiore. Coach Caprara potrà contare su tutto il proprio roster quindi con Lloyd alla regia del palleggio, Fabris alla diagonale, centrali la coppia formata da Stevanovic e Gibbemeyer, Bosetti banda e, a farle compagnia nel ruolo, ballottaggio tra Guerra e una quasi totalmente recuperata Tirozzi. Libero Immacolata “Imma” Sirressi. Questo sabato anticipo Conegliano - Bisonte Firenze e vittoria per 3-0, dunque la Pomì non può perdere neppure un punto

Vanoli a muso duro a Pistoia, ma non nel terzo quarto
9-19/24-32//44-44/64-59

Consiglio di Stato su una.... asimmetrica decisione del... TAR!

"Advisor finanziario AEM: il Tar rileva una asimmetria nella gara di selezione, ma non sancisce alcuna conseguenza, dunque il contratto stipulato con i consulenti per ristrutturare il debito della società resta valido"

Comunica l'AEM: " Il Consiglio di Stato ha riprodotto il pronunciamento già reso dal TAR Brescia sull'aggiudicazione della gara per la selezione dell'advisor finanziario per l'attività di ristrutturazione del debito di AEM Cremona, ritenendo che l'affidamento abbia scontato una asimmetria informativa tra i concorrenti.
La sentenza, tuttavia, non ha sancito alcuna conseguenza in ordine al contratto stipulato con i consulenti, che resta quindi valido ed efficace.
In concreto, quindi, nulla muta rispetto all'attività svolta dall'advisor finanziario.
Parimenti nulla ha eccepito il giudice amministrativo sulle capacità dei consulenti selezionati.
Nel merito della scelta dell'advisor, si segnala che grazie al contributo dei consulenti è stato possibile portare a compimento nei tempi stabiliti la complessa attività di ristrutturazione del debito della società
.
----

Posto che e' noto che ogni carcerato in gattabuia dichiara l'innocenza (o la parziale) innocenza e che percio' la sua parola non vale molto, ritengo che la lettura della Sentenza, in originale, sia decisamente interessante (cliccare qui).
Interessante perche' accogliendo e ribadendo la sentenza del TAR di fatto nega tutte le doglianze dell'appellante definite infondate, e quindi denuncia una scorrettezza che non so se e' stata imputata a qualcuno ( salta il posto di qualche dirigente e/o maneggione?). Parliamo della pochezza di un ricorso che non aveva motivo di esistere.
Addirittura in una parte si stabilisce che NON E' VEROSIMILE una delle scuse impacchettate da AEM. Una vergogna.
Di piu'. Come scritto nella parte finale, la parte soccombente deve pagare un bel po' di quattrini: non si capisce mai chi li deve tirare fuori. AEM... chi e' AEM?
E' ridicolo che una societa' chiami un consulente per tirarla fuori da guai finanziari e poi sperperi risorse (di chi?) in ricorsi "assurdi". "Chi sbaglia paga" vale per molti ma non per tutti.

Per i cubi di cemento antiterrorismo il Comune ha speso 18.910 euro+iva
il M5S vuol vederci chiaro

Il M5S ha presentato martedì 17 gennaio presso la segreteria del Consiglio Comunale un ' interrogazione che ha per oggetto richieste di chiarimenti all' amministrazione, circa l' esorbitante costo dei cubi in calcestruzzo posizionati nelle vie adiacenti a P..zza Stradivari, in occasione dei festeggiamenti del Capodanno scorso. Prof.ssa Maria Lucia Lanfredi ( Consigliere M5S di Cremona)

" In occasione dei festeggiamenti del Capodanno del 31/12/2016, che si sono tenuti a Cremona in piazza Stradivari , sono stati posizionati diversi cubi in calcestruzzo, in alcune vie strategiche intorno alla piazza, al fine di evitare eventuali emulazioni degli ultimi attentati terroristici,nei quali sono stati utilizzati dei mezzi pesanti. Dopo aver esaminato la determina nr 2603 del 29/12/2016, con la quale l'ingegner Pagliarini ha affidato i lavori relativi alla ditta Tecnoscavi, per una spesa complessiva di 18'910,00€ più Iva per tali manufatti, il M5S ha voluto approfondire come sono stati spesi degli importi obiettivamente esagerati,

E’ stata perciò stesa un interrogazione a risposta scritta, nella quale si chiedono chiarimenti all’ amministrazione. I quesiti sono i seguenti. Primo , dal momento che i blocchi posizionati non sembravano essere stati costruiti ad hoc, vorremmo sapere se questi sono stati acquistati dal Comune oppure se sono stati semplicemente noleggiati? Nel primo caso, ovvero se acquistati, dove sono stati posizionati al termine del loro impiego? In seconda battuta , stando ai mezzi di informazione nazionali, pare che in molte altre città in tutto il mondo, per risolvere la stessa problematica, siano stati posizionati dei mezzi per la raccolta dei rifiuti ; non è sembrato più logico seguire questa soluzione anziché spendere una cifra così importante ? E ancora : trattandosi di una somma non propriamente insignificante , e stando alle parole del Segretario Generale durante l’ ultima Commissione di Vigilanza del 20 dicembre 2016, in cui ha sostenuto che il Comune di Cremona si è imposto la regola, di non fare trattative private per spese al di sopra degli euro 10.000, chiediamo : si è proceduto perciò a chiedere più di un preventivo per sapere se la proposta del fornitore fosse congrua ? E se sì, di quali importi erano gli altri preventivi e quali le ditte interpellate ? Vorremmo avere risposte che spieghino come e perché si è voluto spendere del denaro della comunità in modo così generoso! Se questa a nostro parere è la leggerezza con cui si spendono i nostri denari, in occasione di operazioni di così minor importanza, ci domandiamo, mettendoci le mani nei capelli, come vengano spesi nelle operazioni di maggior importoper la città di Cremona."

Si allarga lo scandalo: ma nessuno si interessa

Altre coperte abiti e scarpe nuovi abbandonati in via del Sale

Lo scandalo si allarga: chi abbandona scarpe, coperte, lenzuola, pantaloni, sacchi a pelo nuovi sugli argini della ciclabile, come abbiamo segnalato la settimana scorsa, o nel tratto finale di via del Sale poco dopo il ristorante Dordoni, come si vede nelle due foto qui sopra?

C'è da dire che in via del Sale, anche in questo tratto si è proceduto alla potatura degli alberi, ma evidentemente chi ha compiuto l'ispezione dei lavori, non ha badato che dall'altra parte della strada c'era questo spettacolo. Da notare che le coperte abbandonate sulla ciclabile del Po sono ancora al loro posto, adesso un po' più sporche, probabilmente per il passaggio di qualche cane: sulle trapunte era evidente la lettera con la scritta "Dono della parrocchia di San Pietro".


Dalla Strenna Adafa BONALI FIQUET: Cesanne - Zola ovvero LA “FRATELLANZA DEL GENIO” Vai


In settembre Cremona torna tra le capitali mondiali dell’incisione

In esposizione anche fogli rari di Picasso, Chagall, Hayter, Tàpies, Clavé, Music, provenienti da importanti collezioni di Cannes (galerie Michelle Champetier) e di Parigi (M.e Denise Frélaut, del famoso Atelier Lacourière et Frélaut)

Marc Chagall all'Atelier Lacourière et Frélaut

Si stanno intensificando i contatti con importanti istituzioni culturali italiane ed estere in vista della prossima Rassegna internazionale di incisione di Cremona, giunta alla 9° edizione, che si terrà, dal 24 settembre al 29 ottobre 2017, presso la sede di Santa Maria della Pietà. Ancora una volta Cremona si presenta come una delle capitali mondiali dell’arte a stampa contemporanea, attraverso la sua Rassegna , diventata un punto di riferimento per artisti, curatori, galleristi di ogni parte del mondo.
La Biennale (denominata fino al 2015 “L’Arte e il Torchio”), ideata e curata da Vladimiro Elvieri, è promossa dall’Associazione INCISIONE SENZA CONFINI (costituitasi nel giugno 2016 con lo scopo di valorizzare e promuovere, attraverso la stessa biennale, l’arte dell’incisione e della grafica originale), con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona e il sostegno di sponsor privati.
Nel corso degli anni, la Rassegna cremonese ha saputo porsi all’attenzione internazionale per la varietà e la qualità delle proposte, che offrono una panoramica sempre aggiornata delle tendenze e delle sperimentazioni in atto nell’arte a stampa contemporanea. Varie le sezioni proposte biennalmente o quadriennalmente: dai “maestri dell’incisione” alle “nazioni ospiti”, dai “grandi atelier” alla “incisione italiana under 35” fino agli “ex libris dedicati”.
Un grande progetto artistico-culturale che presenta, per l’edizione 2017, anche una nuova sezione “storica”, comprendente opere di artisti che hanno fatto la storia dell’arte del ‘900; potremo quindi ammirare fogli rari di Picasso, Chagall, Hayter, Tàpies, Clavé, Music, provenienti da importanti collezioni di Cannes (galerie Michelle Champetier) e di Parigi (M.e Denise Frélaut, del famoso Atelier Lacourière et Frélaut).
Le altre sezioni del “contemporaneo” vedranno: a) una mostra di una ventina fra i più interessanti autori presenti nelle maggiori rassegne internazionali, con opere anche di grande formato, invitati da una Commissione; b) una esposizione (oggi itinerante in Europa e Asia) degli artisti membri dl Prism Print International di Londra, provenienti da 7 paesi fra cui l’Italia, con opere realizzate con varie tecniche; c) una selezione di ex-libris (in collaborazione con l’AIE-Associazione italiana ex-libris) dedicati alla figura e all’opera del grande compositore e musicista cremonese Claudio Monteverdi, nel 450° anniversario della nascita (1567).

Un aspetto non secondario della biennale, è quello relativo alla conoscenza dell’arte dell’incisione; per questo sarà attivo il tradizionale laboratorio didattico, dove i visitatori, ma soprattutto le scolaresche (su prenotazione), potranno assistere a lezioni teoriche e pratiche riguardanti la storia e le tecniche dell’incisione a stampa antica e moderna, con la possibilità di intagliare direttamente piccole matrici, successivamente inchiostrate e stampate al torchio calcografico.

Una Manifestazione che ha permesso di costituire, presso il Gabinetto dei Disegni e delle Stampa del Museo civico “Ala Ponzone” di Cremona, una significativa collezione di incisioni e opere a stampa originali di molti artisti contemporanei, comprendente quasi 1800 fogli donati dagli stessi autori invitati ad esporre.

Strumento indispensabile per una seria divulgazione e conoscenza, è il catalogo generale bilingue (ital-ingl), con pubblicazione a colori di gran parte delle opere esposte, contenente brevi schede tecnico-storiche sui principali metodi dell’arte incisoria.

Negli anni, prestigiose istituzioni hanno collaborato con la Rassegna cremonese: l’Adafa (ente promotore fino al 2011) e il Museo civico di Cremona, la Triennale d’arte grafica di Cracovia con il prof. Witold Skulicz, l’Atelier Contrepoint di Parigi, l’AIE-Associazione Italiana Ex-libris, Lessedra Gallery di Sofia, il Graphicstudio di Tampa con l’Università della Florida del Sud, il Museo della Stampa di Soncino, La Medusa di Este, vari curatori fra cui i canadesi Derek M. Besant e Laurence Quetelart, il Taller 99 di Santiago del Cile, la Biennale di Lubiana, gli Istituti Italiani di Cultura di Cracovia e di Belgrado, il prof. Dino Formaggio (1914-2008), filosofo universalmente noto per i suoi studi di estetica e di fenomenologia dell’arte, amico fraterno che, sin dagli inizi, ne ha sottolineato, attraverso puntuali scritti in catalogo, la rilevanza culturale.
Grazie a queste collaborazioni, si sono potute effettuare anche all’estero notevoli esposizioni, tra cui “Incisione Italiana Under 35” a Cracovia, “Maestri dell’incisione italiana contemporanea” (con donazione al Museo della Slesia) a Katowice, Polonia, “Incisori italiani contemporanei” (con donazione) alla Civica Galleria di Uzice, Serbia.
La biennale è stata inoltre oggetto di due tesi di laurea presso le Università di Parma e di Brescia.

Linea Com nelle scuole cremonesi con il “coding”

Linea Com, società del Gruppo LGH attiva nel campo ICT, ha da questo anno scolastico messo a disposizione degli studenti e delle scuole del territorio cremonese il coding, un innovativo approccio alla programmazione informatica. Un’esperienza tra le prime in Italia, rivolta agli studenti della scuola primaria e della secondaria del primo ciclo.

E proprio a Cremona, presso la scuola secondaria “M.G Vida” di via San Lorenzo, si è tenuta una delle prime lezioni di questa innovativa metodologia di apprendimento. Una lezione resa possibile dalla richiesta giunta nelle scorse settimane a Linea Com dall’Istituto guidato dal dirigente scolastico Renato Suppini, sulla scia dell’impegno sui temi dell’innovazione della responsabile di plesso Gloria Joriini e dell’insegnante di Tecnologia Donatella Rossini.
Il coding è una tecnica di programmazione semplificata, che non richiede prerequisiti o nozioni in campo informatico, se non l’utilizzo basilare di tastiera e mouse in alcuni casi o del touch screen di un tablet per altri. Divertirsi con i compagni di classe nel programmare le azioni di un avatar o creare un piccolo videogioco è l’inizio di un cambiamento che potrà apportare nuove competenze utili in tutto il percorso scolastico e ad apprendere le basi dell’informatica.

Paloschi (Linea Com): “Familiarizzare con l’informatica, e migliorare il pensiero logico”- “L’obiettivo di questa tecnica – sottolinea Gerardo Paloschi, direttore di Linea Com, società impegnata nella diffusione del coding anche sul territorio cremonese - è quella di familiarizzare con l’informatica, acquisire concetti tecnici applicabili ad altri linguaggi e, ciò che più interessa la scuola dell’obbligo, per maturare competenze trasversali, come il problem solving o il pensiero logico. Una conoscenza attiva di quella tecnologia che circonda sempre di più i ragazzi”.

Spandimento fanghi, 130 mila tonnellate nel cremonese: c'è davvero attenzione?

di Luca Penzani, associazione "Andiamo Oltre"

Si è tenuto a Palazzo Cattaneo, il convegno sul tema "spandimento fanghi". Tra i relatori l'esperto ambientale R.Michele Cenci, Iolanda Nanni e Danilo Toninelli (M5S in Regione e in Parlamento) molto chiari nell'aver espresso le criticità per il fatto che in Italia si producono 2 milioni di tonnellate di fanghi e quasi la metà, 800mila, vengono prodotte in Lombardia di cui 130mila prodotte solo nella nostra Provincia.Più del 50% dei fanghi che smaltiamo in Regione provengono da tutta Italia.
Le province di Pavia, Lod,i Cremona e Mantova sono quelle più direttamente colpite dal fenomeno .Le istituzioni hanno la colpa grave di non conoscere a fondo quelli che possono essere i rischi per la salute dei cittadini e dell'ambiente. La scarsa conoscenza ha fatto sì che al termine fanghi si corrispondesse il classico concimante, nutriente per i terreni agricoli. Siamo sicuri che non potessero contenere sostanze tossiche in grado di compromettere la qualità e la fertilità dei nostri suoli fino a un livello di compromissione irreversibile?
I fanghi, secondo la legge vigente 99 e considera parametri di misurazione della tossicità dei fanghi legati soltanto alla presenza di metalli pesanti in quantità comunque troppo elevate, senza considerare tutte le altre componenti chimiche, comprese le diossine.
I comuni dal canto loro hanno strumenti giuridici per arginare il fenomeno di spandimento fanghi. La legge prevede che i fanghi non possano essere distribuiti oltre i 100 metri dalle abitazioni. I comuni possono però estenderla con una variante al PGT fino a 500 metri, e una sentenza del consiglio di stato che dà loro ragione. Non possono vietarne l'attività ma hanno potestà programmatoria e con essa stabilire dei requisiti a tutela della salute dei cittadini.
È bene rendere cosciente la cittadinanza su queste problematiche. Il Vascello informa sull'argomento e sui fatti di cronaca relativi. Vai.

Quale futuro per il territorio cremasco? Dibattito venerdì 20 a Bagnolo

Riceviamo da Leonardo del Priore:
"Tra metanodotti, stoccaggi, biogas, inquinamento e discariche abusive. Quale futuro per il territorio cremasco?". Venerdi 20 gennaio a Bagnolo Cremasco, presso la sala convegni "Laura Prati" alle ore 21:00, ingresso Biblioteca comunale, vi racconteremo anche un caso storico quello di Bagnolo Cremasco, dell'area Ex-Edilmac, una storia tra le tante, per comprendere che bisogna vigilare per difendere quello che di buono ci rimane per la Vita.
Parleremo nello specifico dei seguenti argomenti:
1) Stoccaggi CO2 (Anidride carbonica)
2) BioMetano e le nuove infrastrutture per la rete del gas
3) Inquinamento: il caso storico a Bagnolo Cremasco: Edilmac,
4) Il Diritto del cittadino: come segnalare all'arma e alle amministrazioni
5) Spazio per domande e approfondimenti.
6) Spazio Musicale e alla riflessione sugli argomenti
https://soundcloud.com/user-861338463/sets/poetry-concert-in-lodi


I giorni torbidi del 1944-45, continua la nostra ricerca

Quando la Misericordia viene a mancare: la Caserma Paolini e negli scritti d'un detenuto le tragedie fuori e dentro, nonostante il bando del questore Ferretti

Parliamo di un luogo dove la Misericordia venne a mancare, la Caserma Paolini: tragedie fuori e dentro, ricordate da Carlo Azzolini che fu detenuto in quella caserma. (vai a leggere, cliccando qui). Per le altre puntate clicca qui

Dalla Frankfurter Allgemeine: un medico nel furore della Linea Gotica

E' con questo spirito che il Vascello ha ideato e prosegue la sua inchiesta, con fatti incontrovertibili e contro ogni tentativo, locale e non, di riaccendere un odio che risale a giorni ormai passati e rivisti dalla storia, dalle testimonianze dirette, da sentenze di tribunale. Il mondo è cambiato rispetto a 71 anni fa ed uno sforzo, per un futuro accettabile deve essere compiuto in questi giorni che la violenza sembra riesplondere con inusitata violenza.(Vai a leggere, cliccando qui). Per le altre puntate clicca qui


Un prezioso documentario fotografico e storico de "Il Vascello"

Recupero Colonia sul Po: 1914, poi da Roberto Farinacci a Giovanni Arvedi

Vai a vedere Le prime colonie padane (data della foto a sinistra incerta)


Per la pagina d'informazioni religiose
clicca qui
L'omelìa di Don Alberto Franzini

a cura di Giovanni Borsella

Dio condanna il peccato e abbraccia il peccatore

Nel vedere Gesù arrivare al fiume Giordano, Giovanni Battista esclama: “Ecco l’Agnello di Dio, che porta via il peccato del mondo”.
Questa esclamazione esprime il capovolgimento più radicale della storia dell’umanità, che si divide, fino alla fine del mondo, in “prima” e “dopo” Cristo.
Esprime altresì l’inizio del Nuovo Testamento e la fine del Vecchio col suo culto del Tempio e coi sacrifici di animali.
Don Alberto: “Il Signore non chiede più sacrifici di animali per placare la sua ira, perché Lui stesso, nella persona del Figlio, si sacrifica per noi come Agnello, che porta su di sé, annullandolo, il peccato del mondo. Ecco al rivoluzione cristiana. Dio stesso si mette in gioco, donando Lui la propria vita per noi. Dio stesso muore, perché non ci sia più la morte. Lui si sacrifica, eliminando così qualunque altro sacrificio. In questo modo sparisce per sempre l’immagine di un dio vendicativo, che fa ricadere sul peccatore la punizione del peccato; si fa strada invece l’immagine di Dio, che si sacrifica per punire il peccato, e perché il peccatore possa vivere!”.
Don Alberto: “San Paolo lo dice in modo perentorio: Gesù si fa “peccato” per noi, perché in Lui diventiamo giustizia di Dio. Dio muore al nostro posto per avere noi la vita”.
L’immagine dell’agnello mite e benefico descrive Gesù fin dai primordi della nostra storia nella Rivelazione. Normalmente i potenti della terra assumono come simbolo del loro potere, animali che incutono terrore per imporre una convivenza possibilmente ordinata. “Dio invece ha mandato un Bambino indifeso, un “Agnello” che non salva con la forza, ma con la luce della verirtà e la forza dell’amore, uno che, anziché condannare e uccidere, si è offerto lui alla condanna e ad essere ucciso”.
“Un Dio così, che diventa e muore come un agnello sacrificale, non è senza conseguenze per noi. Anzitutto ci dice tutta la serietà e il peso del peccato, la sua gravità. Oggi il termine “peccato” è diventato irrilevante, quasi scomparso; ma se il Figlio di Dio è morto per i nostri peccati, significa che il peccato è un atto gravissimo, una turbativa tale, che solo il sacrificio del Figlio di Dio può sanare”,
Inoltre: “sin toglie il peccato non con la violenza e la vendetta, ma con la mansuetudine, con l’amore e il perdono. Dio, che ha agito così, ha intrapreso la strada dell’agnello sacrificale, quella dell’umiltà, della mitezza. Dio ha certo condannato il peccato, ma ha abbracciato il peccatore, perché il peccatore è sempre più grande dei suoi peccati”.
Infine: “Gesù manda i suoi discepoli come agnelli fra i lupi per togliere il male. La santa battaglia dei cristiani si deve esprimere pertanto nella forza inerme del perdono, nell’accoglienza delle persone, nella guarigione delle ferite. E’ questo il compito della comunità cristiana nella società: annunciare e testimoniare un’altra logica, che è ben diversa da quella del rispondere al male col male, ma di rispondere al male col bene”.

Lunedì 23 a Palazzo Ariguzzi, presente Luigi Berlinguer

Apprendimento pratico della musica: crescita culturale ed educativa per tutti

Valorizzare il sistema formativo musicale cremonese, quale occasione reale di partecipazione per tutti, attraverso un confronto sul metodo e sugli scopi. E' quanto si prefigge l'iniziativa GenerAzione in Musica - Apprendimento pratico della musica: crescita culturale ed educativa per tutti, che si terrà lunedì 23 gennaio, a partire dalle ore 10, a Palazzo Pallavicino Ariguzzi (via Colletta, 5), alla presenza dell'on. Luigi Berlinguer, già Ministro della Pubblica Istruzione, ed attualmente Presidente del Comitato per lo sviluppo della Cultura scientifica e tecnologica e del Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica nella scuola.
Promossa dal Comune di Cremona in collaborazione con l'Istituto Superiore di Studi Musicali “C. Monteverdi”, l'Istituto di Istruzione Superiore A. Stradivari – Liceo Musicale, l'Ufficio Scolastico per la Lombardia, e l'Istituto di Istruzione Superiore “Luigi Einaudi”, l'iniziativa si propone innanzitutto di rappresentare il sistema formativo musicale cremonese attraverso riflessioni pedagogiche e didattiche che riguardano l'apprendimento pratico della musica nelle nostre scuole, la verticalità del curriculum musicale, in un'ottica di percorsi di inclusione e di integrazione delle abilità di tutti. La partecipazione a tale iniziativa può costituire, soprattutto per gli studenti, un'occasione di possibilità e di futuro.

Lettera: quanto conta il dono Fiorini dei cimeli stradivariani a Cremona ? La proposta di una strada intitolata al benemerito cremonese firmata da 300 persone non trova attenzione. Si preferisce Levi Montalcini che però non ebbe contatti a Cremona

Caro direttore, E ' possibile che 300 cremonesi non contino un cazzo ? Che Cremona non senta il bisogno di ringraziare chi le ha donato i cimeli stradivariani e si accontenti di una targa e ...debba chiedere, se ho capito bene, la autorizzazione del cda del museo ? Ma siam,pazzi ? E perché prima non c'erano strade idonee poi ne trovano una per Rita Levi con tutto il rispetto ovvio. Ma per lei sì per fiorini no . . ? Ma che città e' questa ? Mi vien voglia di ritirare la richiesta e di mandare a (omissis) sindaco, giunta e città. Scusa. Ciao Gualtiero Nicolini

La commissione toponomastica assegna a Fiorini un vialetto
o una targa

A proposito di una serie di argomenti dibattuti in questi giorni la commissione toponomastica del Comune porpone:
Intitolazione strada per Rita Levi Montalcini proposta da Cremona Rete Donne. La Commissione l’aveva già approvata nelle precedenti sedute. Dal momento che non ci sono nuove vie, si propone il parco adiacente a via Magazzini Generali, con accesso dalla via stessa. Si tratta di un’area verde attraversata da un passaggio pedonale ed è compresa fra le vie Magazzini Generali, Ernesto Fazioli, mons. Enrico Assi, e via mons. Natale Mosconi;
Intitolazione strada al Maestro Liutaio Giuseppe Fiorini proposta da ANLAI. La Commissione l’aveva già valutata idonea riconoscendo la figura significativa, tenendola in sospeso in attesa di trovare uno spazio adeguato alla memoria della persona. Si prende atto della richiesta pervenuta dal proponente, dopo la seduta del 19 maggio, di dedicare a Giuseppe Fiorini un vialetto all'interno di piazza Marconi. La Commissione chiede che venga approfondita tale richiesta, attraverso la verifica di atti vigenti con la Fondazione Museo del Violino. In alternativa si propone una targa da posizionare in un luogo visibile della piazza o limitrofo;
Intitolazione di una strada al pittore Alessandro Bernardi proposta da Giuseppe Ferrari. La Commissione chiede alla commissaria esperta Liliana Ruggeri di preparare una scheda per approfondire le qualità del pittore ai fini dell'istruttoria.
Intitolazione di una strada a Rosa Mariani, cantante cremonese del primo '800 proposta da Soroptimist Club Cremona. Si prende atto che la proposta precedentemente formulata relativamente al tratto tra via Cavo Cerca e via Gallazzi non ha avuto un riscontro positivo da parte del proponente, si chiede che vengano individuate, tramite il SIT, altre aree/spazi da sottoporre alla Commissione;
Intitolazione di una strada a Louis Braille proposta dall’Unione Ciechi. L'istanza era già stata inoltrata nel 2009 e di nuovo nel 2015. La Commissione aveva già espresso parere favorevole. Nella seduta del 19 maggio, dato che non ci sono nuovi spazi ha chiesto di verificare lo spazio/giardino situato tra via Giuseppina e via Commenda di Malta. Si prende atto che la verifica con il SIT ha dato esiti positivi per procedere ad un confronto con il proponente;
Intitolazione di una strada ad Osvaldo Goldani proposta da AVIS Cremona e non trattata dal 2013. La Commissione aveva già espresso parere favorevole. Si propone il tratto tra via Cavo Cerca e via Gallazzi da verificare con il proponente;
La Commissione preso atto della decisione unanime del Consiglio Comunale relativamente alla proposta avanzata dal consigliere Andrea Sozzi di intitolare il Rifugio del Cane a Valentina Viero, deceduta giovanissima in un incidente stradale, veterinaria ed appassionata ed amante dei cani, propone di chiedere al consigliere Sozzi, unitamente all'Ufficio di Presidenza, di formulare il testo per predisporre una targa da apporre per la dedica;
Proposta presentata dal CRIT di denominare via dell'Innovazione Digitale il tratto di strada davanti alla sede del Polo Tecnologico. La Commissione esprime parere favorevole;
Posa del busto a ricordo del pittore Cornelio Bertazzoli nel viale degli Artisti del Civico Cimitero. La Commissione esprime parere favorevole, dandosi l’impegno a fissare in materia - per future richieste – alcuni criteri di massima in forma di linee guida interne;
Piazza Luigi Cadorna. La Presidente Rosita Viola sottopone all'attenzione dei commissari lettere e articoli apparsi sulla stampa locale in merito alla proposta di modificare la denominazione di tale piazza. La Commissione prende atto che ad oggi non sono ancora pervenute istanze così come previste dal Regolamento. Si pone inoltre la questione di considerare i costi e i disagi per la collettività.

Successo a Pizzighettone di Buon Gusto D'Inverno

Successo per BuonGusto D'Inverno con una gran folla concentrata soprattutto nella giornata odierna e in particolare per l'intero pomeriggio.
Bene anche la Tripa de San Basian. Molte le adesioni anche alle visite guidate.


I sondaggi

"L'anima della città", opera cangiante di Giorgio Palu alta otto metri Un gigantesco monumento al violino in piazzale della stazione: che ne dite?

Salvare o abbandonare ai tempi che cambiano la Fiera di San Pietro? Vai al sondaggio

Cremona vende i suoi gioielli uno dopo l'altro: cosa difetta in Cremona e nei cremonesi? Potete dare più pareri. Vai


Notizie dal mondo qui, prima pagina bis (con offerte lavoro) clicca qui

Vai a EVENTI & CULTURA: tutto ciò che non trovate in questa pagina

Servizio
per i nostri lettori

Leggi Il Vascello e vuoi essere aggiornato ora per ora non solo su Cremona e provincia ma su quel che accade nel mondo?

Le notizie Italia ed estero, le tue ricerche con iGoogle, il tutto cliccando qui.




La pagina è aggiornata alle ore 21:46:37
di Dom, 22 gen 2017

link: http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html

Privacy Policy di www.vascellocr.it
Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.
Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi: Registrazione ed autenticazione 1Pass4.Me
Dati Personali: Città - Statistica Google Analytics - Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Ultima modifica: 16 Giugno 2015
iubenda ospita questa pagina e raccoglie alcuni dati personali sugli utenti

Cookie Policy - Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l’esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. I cookies utilizzati in questo sito rientrano nelle categorie descritte di seguito; ulteriori informazioni sono disponibili nella Informativa sulla Privacy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. In qualunque momento è possibile disabilitare i cookies presenti sul browser; ti ricordiamo che quest'opzione potrebbe limitare molte delle funzionalità di navigazione del sito.