Benvenuti a bordo del Vascello, le notizie di Cremona e del mondo, quotidiano on line fondato nel 2001


Cremona,
PRIMA PAGINA
ARRETRATI
Direttore responsabile proprietario Antonio Leoni - Vice Direttore Cesare Castellani - Redazione: Via dei Classici 8 - 26100 Cremona - -tell+39-037230392 - e.mail vascello@fastpiu.it
Reg. Tribunale Cremona n.365 - 8 gennaio 2001 Provider Aemcom, via Persico- Cremona - Accesso gratuito - Controllo diffusione, statistiche dei contatti giornalieri ShinyStat™ - No pubblicità

Cerchiamo sempre argomenti piacevoli, ma se evitiamo le notizie spiacevoli non rendiamo un buon servizio alla verità
Il Vascello non riceve alcun finanziamento pubblico o privato. Esce esclusivamente per la prestazione gratuita di persone che amano Cremona


Solo in Alto Adige, Toscana ed Emilia Romagna leggero vantaggio del SI, il resto d'Italia ha pesantemente votato per il NO

Matteo Renzi: Mi assumo la responsabilità della sconfitta, mi dimetto

Finiscono così i mille giorni del governo renziano

REFERENDUM affluenza da voto politico 68,40%

A Cremona gli aventi diritto sono 53.476, suddivisi in 24.853 maschi e 28.623 femmine.: l'affluenza in provincia di Cremona è stata del 74,30 per cento.La località meno sollecita è Cappella Picenardi con il 62,58 , la più affollata alle urne Ticengo con 80,53.


Cremonese (contro Prato): hasta la victoria siempre, una grande prova soprattutto del centrocampo: 5-1 (2-0)

Pesce apre alla Cremonese la via del gol (foto Ivano Frittoli ©)

Pomì a Modena, trasferta con molte insidie nascoste, alla lunga la vittoria, ma brucia il punto perso
25-21/27-25 ! /18-25/15-25 /tb. 10-15

Vanoli vs. Pesaro: Cremona senza cecchini nel rush finale

22-29/45-41/58-56/71-73

Sottopasso di via Brescia, un progetto partito male e finito peggio, scorno per la Giunta Galimberti

Il Comune ha cambiato il progetto, restituiti alla Regione 524.777,37 euro

Ecco una lunghissima vicenda amministrativa e tecnica iniziata male e finita peggio. Dopo mesi di controversie con la Regione, il tecnico dirigente ai lavori pubblici Marco Pagliarini ha dovuto versare alla Regione la somma di 524.777,37 euro perchè al confronto con la destinazione del contributo lombardo sono stati compiuti più lavori rispetto a quelli indicati ed il progetto è stato modificato introducendo il passaggio pedonale e l'unica corsia di marcia automobilistica, in entrata. E' un progetto, quello attualmente attivo che non è mai piaciuto alla gente. Nel sondaggio raccolto dal nostro giornale, che ha registrato ben 1214 pareri, sono 240 hanno dichiarato che il traffico è stato migliorato, 336 hanno dichiarato che si poteva fare meglio e 638 che è stata peggiorata la situazione preesistente, ciò quando si alzavano parecchi volte al giorno le sbarre del passaggio a livello. In coincidenza con la soluzione della vertenza con la Regione, chiudiamo anche noi il sondaggio. Ormai questo sottopasso malpensato c'è (tutti gli ostacoli frapposti dai tecnici potevano essere superati con un minimo di fantasia progettuale) e dobbiamo tenercelo. Ecco la foto del sottopasso nel giorno della inaugurazione.

Una iniziativa nel nome della Misericordia che potrebbe avere eco nazionale

Caritas Cremona e capellania carceraria " Adottate un detenuto in povertà!"

Adottare a distanza uno dei detenuti in situazione di povertà assoluta recluso nel carcere di Cremona sostenendo una “Adozione della Misericordia”. È l’invito che, all’inizio del tempo di Avvento e al termine dell’anno giubilare, Caritas cremonese e cappellania del carcere rivolgono all’intera comunità ecclesiale rilanciando l’impegno in favore dei detenuti. L’istituto penitenziario – si legge sull’ultimo numero del settimanale diocesano “La Vita Cattolica” – è impegnato in un progetto di rinnovamento affinché “possa davvero diventare un esempio di eccellenza nel mondo penitenziario italiano, ma nell’immediato, restano alcune emergenze e criticità a cui far fronte”. Nel carcere di Cremona, infatti, circa il 25% dei detenuti desta in situazione di grave povertà ed emarginazione. Per questo, “a parrocchie, oratori, ma anche a famiglie, associazioni, ordini religiosi, aggregazioni ecclesiali, singole persone” Caritas cremonese e cappellania del carcere propongono la “Adozione della Misericordia”. “Con 20 euro al mese – spiega il settimanale – sarà possibile garantire a queste persone il minimo indispensabile per vivere con dignità”.

• TORRE DE' PICENARDI - Diocesi in lutto: è morto don Giampaolo Rossoni. Il decesso è avvenuto venerdì 2 dicembre all’ospedale di Bergamo, dove da alcuni giorni era ricoverato nel reparto di Terapie intensive a seguito dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute, già rese precarie dalla grave disabilità motoria causata dall’incidente stradale avvenuto lo scorso aprile.

Il messaggio dell’arte: il Vescovo sul "divino mistero della maternità”

Un regalo del Vescovo alla città. Una sosta per condividere i pensieri e l’augurio natalizio ai cremonesi. Dopo la bellissima serata in Cattedrale sul S. Francesco in meditazione restaurato di Caravaggio, un’altra occasione per raccontare il messaggio contenuto nelle nostre opere d’arte. Questo il significato dell’incontro organizzato per il 21 dicembre 2016 (alle ore 17 al Museo Civico A. Ponzone) dal Comune e dalla Diocesi di Cremona, intitolato “Il divino mistero della maternità”. Una riflessione del Vescovo Antonio sul tema della maternità a partire dalle opere lignee esposte nella nuova Sala del Platina climatizzata, recentemente inaugurata, e dalle sculture della mostra ‘Alfa e Omega Mater’ di Ugo Riva, ospitata nella Sala delle Colonne fino al 29 gennaio 2017. L’ingresso è libero.

Attenzione: il Comune ha iniziato i controlli sulla corretta divisione dei rifiuti nei condomini

Bollino giallo, poi rosso con sanzioni

Sono iniziati, in accordo con gli amministratori di condominio, le attività di controllo della qualità dei rifiuti raccolti all'interno dei condomini che hanno aderito al sistema Porta a porta e lungo le strade cittadine, a cura degli Agenti ambientali di Linea Gestioni e del Comune di Cremona.

Le vie coinvolte in questo primo periodo di controllo sono state nel centro città e nei quartieri, in particolare le zone Po, Maristella, Giuseppina, Boschetto e Zaist. Sono stati appostati dagli Agenti Ambientali i primi 50 bollini gialli, che avvertono dell'errato conferimento, in modo che il personale o gli utenti sappiano che hanno sbagliato. Nella fase successiva, se persisteranno gli errori, ci saranno anche i bollini rossi ed infine le sanzioni.

Anche sul fronte del decoro urbano, per mantenere pulita la città, sono in atto alcune azioni concrete, in particolare utilizzando un mezzo speciali per raccogliere i mozziconi di sigarette in modo da pulire più efficacemente le vie cittadine. La lotta ai mozziconi era già stata oggetto di una giornata a settembre in occasione di Puliamo il mondo con le scuole e la campagna informativa contro l'abbandono dei mozziconi verrà intensificata nel 2017.

Parliamo di collegamenti ferroviari: ebbene che ci dice il Comune su tanti problemi irrisolti?

di Ezio Corradi

Leggiamo con interesse la notizia che nel "Patto per la Lombardia" recentemente firmato a Milano dal Presidente del Consiglio con il Governatore della Regione Lombardia, è previsto il raddoppio della ferrovia Mantova-Cremona-Codogno. Come tanti cittadini, pendolari in prima persona, siamo interessati a conoscerne il progetto.
Siamo allo stesso tempo colpito dal silenzio sugli altri problemi delle ferrovie cremonesi.
Non si parla più del necessario raddoppio della tratta Cremona-Olmeneta che sopporta sull'unico binario il traffico destinato a Brescia ed a Treviglio. Nemmeno si sente più nulla del raddoppio della tratta Brescia-San Zeno Folzano che, sull'unico binario, sopporta il traffico destinato a Cremona ed a Parma.
Altrettanto silenzio è calato sul potenziamento con l'elettrificazione della linea Brescia-San Zeno-Piadena-Parma.
Così come non si parla del necessario raddoppio fra Treviglio e Crema e fra Cremona e Castelvetro Piacentino utilizzato dalle linee per Fidenza e per Piacenza.
Piacerebbe conoscere quali iniziative hanno in corso glie Enti Locali cremonesi dal Comune alla Provincia-Area Vasta per la ripresa dei collegamenti viaggiatori con Piacenza.
Cremona città turistica e della storia di Stradivari si accontenta solo di un bus di collegamento con la stazione Mediopadana dell'alta velocità per Reggio Emilia-Roma?
La città di Mantova ha riavuto il collegamento diretto con Roma, così come Brescia, collegata direttamente con Roma, che ha girato le spalle a Cremona, mandando in archivio il collegamento Bergamo-Brescia-Cremona-Roma.
Il Sindaco di Cremona parlerà anche di queste cose, utili a non marginalizzare la città e la provincia de Cremona nel suo prossimo incontro con i suoi colleghi delle città confinanti di Bergamo e Brescia? Con questi risultati c'è poco da strimpellare la chitarra sotto la Loggia di Brescia!
Fiduciosi, attendiamo novità concrete come i tanti cittadini pendolari.

L'Istituto Monteverdi vola sopra le polemiche

Les Matinées del Monteverdi al Museo Civico - Primo appuntamento domenica 4 dicembre, alle ore 11, nella Sala Manfredini

L’Anno Accademico 2016 - 2017 vede una importante novità per l'Istituto Superiore di Studi Musicali “Claudio Monteverdi”. La collaborazione coordinata con il Comune di Cremona, il Sistema Museale di Cremona e gli spazi espositivi dell’istituzione cittadina.

La Sala Manfredini del Museo Civico “Ala Ponzone” ospiterà la rassegna Concerti del “Monteverdi” ideata, a partire da quest’anno, dall’Istituto e che ogni prima domenica del mese affronterà il repertorio antico e ogni seconda domenica il repertorio che va dal tardo Settecento a tutto il Novecento. Sono previste esecuzioni da parte degli allievi, ma anche collaborazioni con altri Conservatori, come quello di Reggio Emilia che da quest’anno condivide alcune iniziative artistiche proprio con il Monteverdi, grazie ad una proficua collaborazione nata in occasione della partecipazione degli studenti dei due Istituti all’Orchestra del Festival Orizzonti di Chiusi la scorsa estate.


Lettera: "Il contratto del pubblico impiego è solo una marchetta al Governo Renzi"

Caro direttore,
Domattina i lavoratori pubblici possono passare all'incasso! Questo è quanto stanno sostenendo tutti i TG della democratica Italia.

Ma cosa è successo davvero?

E' successo che tre personaggi senza mandato hanno fatto una enorme marchetta a Renzi a poche ore dal Referendum sulla deforma costituzionale per consentirgli di provare a raccattare qualche voto favorevole fra i dipendenti pubblici stremati da ben 7 anni senza aumenti salariali.

Ma come stanno davvero le cose?

- Non è stato firmato alcun contratto. C'è una legge e una normativa precisa che regola la contrattazione nel pubblico impiego e la Ministra MADIABUGIA sa bene che l'accordo raggiunto stasera non ha valore di contratto che dovrà invece essere discusso e stipulato all'ARAN.
- L'"entente cordiale" raggiunto stasera non dà neanche lontanamente risposte sulla questione economica - 85 euro medi e lordi a fine 2018 dopo 7 anni di blocco contrattuale sono un insulto inaccettabile. Così come la mezza marcia indietro sulla Legge Brunetta.

Aver accettato anche solo politicamente il piatto di lenticchie promesso dal governo la dice lunga sulla schiena dritta dei tre segretari dei sindacati gialli.
Ma il dato più grave è sicuramente la disponibilità ad introdurre il cosiddetto welfare aziendale cioè un robusto sostegno allo smantellamento della sanità e della previdenza come diritto universale. (Lettera firmata)

Spacciava a scuola, studente 17enne arrestato
a Cremona

Uno studente 17enne dell'istituto professionale Forma di Cremona è stato arrestato dalla polizia per detenzione di sostanze stupefacenti a scopo di spaccio. Un altro ragazzo, di 19 anni, è stato denunciato. Le misure sono scattate dopo le perquisizioni compiute dagli agenti, che hanno portato al sequestro di 80 grammi di marijuana. Il minorenne è stato condotto in una casa protetta. L'udienza di convalida avverrà lunedì a Brescia.

Centomila euro per attraversamenti sicuri di via Persico (Maristella)

Un investimento da 100mila euro a favore della sicurezza dei cittadini e della viabilità del quartiere che si aggiunge ad altre iniziative già effettuate dall’Amministrazione comunale per la vivibilità complessiva del comparto su sorveglianza, ciclabilità, sport e aree verdi. Questo il contenuto dell'Assemblea pubblica al quartiere Maristella che si è svolta nella serata di giovedì nella nuova sede de Comitato di Quartiere alla presenza dei vertici comunali..
La Giunta ha deciso di proseguire con gli interventi sul Maristella, investendo in un sistema che prevede l’introduzione di tre nuovi attraversamenti pedonali-ciclabili e di un sistema semaforico che consenta di mantenere una sorta di ‘onda verde’ ai 50 chilometri orari, oggi garantita dalla presenza dell’autovelox. Nel dettaglio, il sistema prevede: un attraversamento pedonale semaforizzato all'intersezione con via Vallerana, attuato da pulsante pedonale, interfacciato con sistema d’illuminazione; due attraversamenti pedonali illuminati, uno all'intersezione con via Porcellasco e uno in via Persico 185, corredati di impianti di segnalazione lampeggiante e d'illuminazione notturna a potenza variabile; un nuovo semaforo all'intersezione con via Santa Cristina in prossimità dell’attraversamento ciclo-pedonale esistente.

Premiazioni alla Bissolati, presente anche Abbagnale confermato ai vertici FIC

Premiazioni di fine anno alla Bissolato. Efrem Norelli, medaglia di bronzo alle Paralimpiadi di Rio nel nuoto (50 rana) ha ricevuto il premio quale miglior atleta cremonese dell'anno ed Esteban Faria, campione italiano di paracanoa, ha ottenuto quello per il miglior atleta della Bissolati. Presenti alle cerimonia, anche il presidente della Federazione Italiana Canottaggio Giuseppe Abbagnale, riconfermato nella carica nei giorni scorsi, ed il presidente del Coni Regionale Oreste Perri. Vai a leggere


I giorni torbidi del 1944-45, continua la nostra ricerca

Quando la Misericordia viene a mancare: la Caserma Paolini e negli scritti d'un detenuto le tragedie fuori e dentro, nonostante il bando del questore Ferretti

Parliamo di un luogo dove la Misericordia venne a mancare, la Caserma Paolini: tragedie fuori e dentro, ricordate da Carlo Azzolini che fu detenuto in quella caserma. (vai a leggere, cliccando qui). Per le altre puntate clicca qui

Dalla Frankfurter Allgemeine: un medico nel furore della Linea Gotica

C'è una nuova volontà, in nome della Misericordia, anche all'estero, senza dimenticare gli orrori, di riavvicinare le anime per costruire un futuro senza odio, salvando i Giusti di ogni parte.

E' con questo spirito che il Vascello ha ideato e prosegue la sua inchiesta, con fatti incontrovertibili e contro ogni tentativo, locale e non, di riaccendere un odio che risale a giorni ormai passati e rivisti dalla storia, dalle testimonianze dirette, da sentenze di tribunale. Il mondo è cambiato rispetto a 71 anni fa ed uno sforzo, per un futuro accettabile deve essere compiuto in questi giorni che la violenza sembra riesplondere con inusitata violenza.(Vai a leggere, cliccando qui). Per le altre puntate clicca qui


Un prezioso documentario fotografico e storico de "Il Vascello"

Recupero Colonia sul Po: 1914, poi da Roberto Farinacci a Giovanni Arvedi

Vai a vedere Le prime colonie padane (data della foto a sinistra incerta)


Per la pagina d'informazioni religiose
clicca qui
L'omelìa di Don Alberto Franzini

a cura di Giovanni Borsella

Negli eventi il Signore ci raggiunge all'improvviso

Con l’Avvento inizia il nuovo anno liturgico: un dono per maturare con maggiore chiarezza e fermezza il progetto eterno di Dio su di noi.
Gesù ricorda Noè: nel suo tempo tutto scorreva “normalmente”: la gente non capisce che sarebbe venuto il diluvio; solo Noè ne ebbe l’ispirazione e si mise a costruire un’arca – immagino – prendendo del pazzo!

Don Alberto spiega: “Gesù ci dice di non vivere in un modo banale, senza un grande scopo, senza renderci conto del grande dono della nostra vita, esposta sempre a grandi pericoli. Gesù richiamando il diluvio ci invita a scoprire il valore drammatico del tempo, nel quale decidiamo il nostro destino eterno. La generazione di Noè viene travolta per la sua superficialità spirituale, per il suo torpore, per aver banalizzato il sacro e aver dimenticato il proprio mistero aperto su Dio, Il fatto è che come il diluvio, il Figlio dell’uomo viene all’improvviso. Gli eventi, comprese le catastrofi naturali, sono ammonimenti che ci aiutano a capire come la venuta del Figlio dell’uomo è sempre imminente per rinnovare in modo radicale la nostra esistenza, il nostro mondo e prepararci alla comunione eterna col Signore. La Sua venuta è sempre un evento che ci scuote”.
“Da qui l’invito di Gesù: vegliate! Vivere l’oggi in modo nuovo, perché è nella nostra vita quotidiana che si decide la nostra salvezza o la nostra rovina. E’ nell’esercizio delle nostre responsabilità nell’ora presente che ci giochiamo il nostro futuro eterno”.

“Gesù usa l’immagine dei due uomini nel campo e delle due donne che lavorano alla mola: sono il simbolo della nostra quotidianità; possiamo vivere in modo banale o con coscienza vigile e profonda. Ecco perché un uomo viene preso e l’altro lasciato. In vita si opera la distinzione fra bene e male: possiamo essere presi dal Signore e accolti nel suo abbraccio, oppure essere abbandonati a noi stessi”.

“Non è tanto negli avvenimenti sconvolgenti o eccezionali, ma in quelli quotidiani che costruiamo la nostra eterna dimora, il nostro destino. L’invito di Gesù alla vigilanza non è altro che l’invito a coltivare uno sguardo diverso sulla realtà, uno sguardo che deriva dalla attesa del Signore. Questo invito di Gesù è ripreso e attualizzato da San Paolo: svegliatevi dal sonno! Il giorno è vicino, la notte sta passando. Chi dorme, resta nella notte, imprigionato nella rete delle paure, dei sogni, delle angosce senza alcuna relazione con la realtà. Non lasciatevi travolgere – scrive realisticamente Paolo – da orge e ubriachezze, da lussurie e impurità, litigi e gelosie. E’ tutto tempo perso! E’ tale la luce sulla realtà che ci ha portato il Signore che non possiamo continuare ignorandoLo nella banalità”.

A Firenze Michelangelo e Stradivari insieme

Da Strings City - afferma il sindaco Galimberti - alleanza con Firenze per progetti su musica e liuteria

"Michelangelo disse davanti al suo Mosè: perché non parli? La bellezza ha un suono. Noi abbiamo portato a Firenze la voce della bellezza del nostro Stradivari": queste le parole del Sindaco Gianluca Galimberti per introdurre l'evento sold out dedicato a Cremona all'interno di Strings City a Firenze, trenta ore di musica realizzate da strumenti a corda in quaranta luoghi della città.

A fare gli onori di casa a Palazzo Pitti, il Sindaco di Firenze Dario Nardella, appassionato violinista, che ha fortemente voluto insieme a Galimberti la collaborazione. "Da Michelangelo e Stradivari - ha detto Galimberti - nasce con oggi una alleanza tra Firenze e Cremona. Facciamo risuonare le corde di bellezza delle nostre due città, attraverso il dialogo tra le istituzioni (Comuni, conservatori, musei, teatri, università) per la costruzione di progetti comuni. Ho invitato il Sindaco Nardella a suonare nel nostro Auditorium per le Celebrazioni Monteverdiane e lavoriamo insieme su progetti culturali che esaltano le nostre città e la nostra liuteria". Davvero emozionante l'esibizione del Maestro Domenico Pierini, prima parte del Maggio Musicale Fiorentino, con lo Stradivari Vesuvio (1727) proveniente dal Museo del Violino.

Quartiere Po. Oltre ai sensi unici, arriva la zona 30 per la viabilità intorno alle scuole

Si concretizza il progetto teso a migliorare la viabilità e la sicurezza del quartiere Po. Ieri sera, a margine dell'assemblea del Quartiere 10, l'assessore alla Mobilità Alessia Manfredini affiancata da Marco Granata dell'ufficio Mobilità, davanti ad una nutrita platea presente in sala, ha presentato il progetto delle modifiche viabilistiche elaborato dagli uffici comunali che prevede l'istituzione di alcuni sensi unici di circolazione e una zona 30 nel quartiere Po, nel comparto compreso tra le vie Ciria, Trebbia, Lugo e viale Po.
Sulla viabilità della zona nord del quartiere gli uffici del Servizio Mobilità in questi mesi hanno perfezionato il progetto redatto nel 2011 ed elaborato un piano particolareggiato di riassetto viabilistico che prevede:

istituzione di una zona 30 in tutto il comparto del quartiere; ipotesi di sperimentazione di pedonalizzazione in via Ticino (richiesta anche dal comitato genitori) nel tratto compreso tra via Oglio e via Adda a protezione degli ingressi dei plessi scolastici;

istituzione di un senso unico in via Enrico Toti, in quanto le dimensioni della strada non consentono il mantenimento del doppio senso di circolazione; inversione del senso di marcia di via Paoluccio de' Carlboli nel tratto tra via Ciria e via Lambro; istituzione di nuovi sensi unici nelle vie Lago Gerungo, Olona, Morbasco, Chiese e Ticino (nel tratto tra via Adda e via Serio);

istituzione del senso unico in via Oglio nel tratto compreso tra via Mincio e viale Po, con direzione viale Po; sperimentazione di una mini rotatoria all'intersezione tra via Serio e via Mincio con lo scopo di rallentare la velocità.


Nel suo intervento l'Assessore ha affermato che “In coerenza con le politiche attuate sulla mobilità in centro storico, ma anche nei quartiere San Bernardo e Maristella, ora nel quartiere Po, finalmente dopo anni di attesa, ci sono tutte le condizioni per dare attuazione, nei prossimi mesi, ad un progetto che migliorerà la viabilità nella zona, istituendo la zona 30 e incrementare la sicurezza vicino alle scuole. Infatti – ha proseguito Alessia Manfredini - la proposta di rendere via Oglio a senso unico e la possibilità di via Ticino pedonale, come richiesto dal comitato genitori, è una risposta concreta per risolvere le evidenti criticità quotidiane in via Oglio durante gli orari di ingresso e uscita scuole, senza penalizzare le attività commerciali. Questo progetto – ha concluso l'Assessore - rappresenta un altro passo in avanti verso una nuova mobilità con la partecipazione attiva della cittadinanza.”

I sondaggi

"L'anima della città", opera cangiante di Giorgio Palu alta otto metri Un gigantesco monumento al violino in piazzale della stazione: che ne dite?

Salvare o abbandonare ai tempi che cambiano la Fiera di San Pietro? Vai al sondaggio

Cremona vende i suoi gioielli uno dopo l'altro: cosa difetta in Cremona e nei cremonesi? Potete dare più pareri. Vai

Notizie dal mondo qui, prima pagina bis (con offerte lavoro) clicca qui

Vai a EVENTI & CULTURA: tutti gli eventi che non trovate in questa pagina

Aperte le prenotazioni per la stagione di Danza: il cartellone Vai

Tutti i dettagli in cultura

Servizio
per i nostri lettori

Leggi Il Vascello e vuoi essere aggiornato ora per ora non solo su Cremona e provincia ma su quel che accade nel mondo?

Le notizie Italia ed estero, le tue ricerche con iGoogle, il tutto cliccando qui.


La pagina è aggiornata alle ore 1:05:33
di Lun, 5 dic 2016

link: http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html

Privacy Policy di www.vascellocr.it
Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.
Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi: Registrazione ed autenticazione 1Pass4.Me
Dati Personali: Città - Statistica Google Analytics - Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Ultima modifica: 16 Giugno 2015
iubenda ospita questa pagina e raccoglie alcuni dati personali sugli utenti

Cookie Policy - Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l’esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. I cookies utilizzati in questo sito rientrano nelle categorie descritte di seguito; ulteriori informazioni sono disponibili nella Informativa sulla Privacy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. In qualunque momento è possibile disabilitare i cookies presenti sul browser; ti ricordiamo che quest'opzione potrebbe limitare molte delle funzionalità di navigazione del sito.